In Patagonia. Ai confini del mondo – Repubblica Viaggi

In Patagonia. Ai confini del mondo – Pagina 1 | Repubblica Viaggi.

Un viaggio lungo la mitica Ruta 40 argentina. Dalla Foresta Amazzonica alla Terra del Fuoco. Un ambiente magnificamente inospitale. Con gli impagabili spot delle vette andine.

Aquile e guanachi, farfalle e leoni marini, il bianco abbagliante dei ghiacciai e il verde lussureggiante della foresta, il fragore delle cataratas che piombano giù e il sibilo musicale del vento patagonico sono fantastici compagni di viaggio. È una natura possente, emozionante, inimmaginabile che cattura l´occhio e la mente lungo un itinerario da cinquemila chilometri che attraversa, con scenari e clima assolutamente diversi da loro, quel fantastico paese che è l´Argentina. 

Il percorso lungo la mitica Ruta 40, vero e proprio sogno dei motociclisti, è appannaggio di chi ha tempo, almeno tre settimane, spirito di adattamento e voglia di avventura. Un viaggio on the road, un percorso per lunghi tratti accidentato su una strada non sempre asfaltata che costeggia laghi di montagna, praterie sconfinate, steppe e boschi pietrificati. Una strada dove ogni stazione di servizio è una tappa obbligata per incontrare altri viaggiatori, scambiarsi esperienze, dritte e indirizzi. E dove piloni votivi e minuscoli santuari si susseguono come i sassolini di Pollicino verso un itinerario che da La Quiaca, al confine con la Bolivia, porta ai meravigliosi laghi di Bariloche, la città del cioccolato argentino, fino all´estremo sud e ai ghiacci patagonici. 

Chilometri e chilometri di strada dove per ore si può viaggiare anche in assoluta solitudine e a farla da padrone sono i guanachi e gli struzzi, gli armadilli e le aquile che volteggiano sul bosco pietrificato o sul ghiacciaio di El Chalten, la capitale mondiale del trekking. Natura selvaggia resa ancora più estrema dalle mille sfumature dell´alba e del tramonto. Sbarcati a Buenos Aires, bastano un paio di voli interni e una macchina oppure una motocicletta per passare dall´Amazzonia alla regione dei laghi fino alla Patagonia e alla Terra del Fuoco, le tre facce di un Paese che, dopo essersi ripreso dalla crisi economica del 2001, è in grado di offrire ai turisti servizi di prim´ordine. 

Si parte da su, dal confine al nord del Paese, dallo spettacolo straordinario di Iguazu, un sistema di duecentosettantacinque cascate alte fino a settanta metri che ha la sua apoteosi nella Garganta del Diablo, una gola che si incunea al confine tra Argentina e Brasile dove i più coraggiosi affrontano le rapide in gommone per arrivare fin sotto il salto che è stato scenario di alcuni notissimi film, da Mission a Indiana Jones e il tempio di cristallo. Tutto attorno il Parco nazionale di Iguazu, designato dall´Unesco patrimonio dell´umanità, lussureggiante regno di piante tropicali e uccelli coloratissimi. Dal caldo soffocante dell´Amazzonia alle temperature autunnali della Patagonia. Il primo approccio, lì dove la civiltà rende meno aspro e meno impegnativo il percorso sulla Ruta 40, è la visuale dell´affascinante lago Argentino sulle cui rive si è sviluppata El Calafate, cittadina in perfetto stile alpino, tutta chalet di montagna, che fa da base di partenza per l´esplorazione della terra dei ghiacciai. La prima sensazione quando, tra il verde del parco nazionale Los Glaciares, alla Curva de los suspiros, l´occhio percepisce il bagliore del muro del Perito Moreno, è quella di trovarsi davanti all´immensa onda di uno tsunami improvvisamente fermata dalla glaciazione.

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Fotografia, Greenway. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...